SEGUIMI sui social!

MIELE ARTIFICIALE, TOVAGLIERI E CAMPOMENOSI (LEGA) PRESENTANO INTERROGAZIONE A BRUXELLES: “VIETARE INGRESSO NEL MERCATO UE, POSSIBILE FRODE AI DANNI DEI CONSUMATORI”

Già oggi quasi la metà del miele di provenienza extra UE è contraffatto o adulterato

Bruxelles, 24 gen – “L’Europa intervenga per frenare l’espansione del miele artificiale prodotto senza l’impiego delle api, e valuti l’opportunità di vietare del tutto il suo ingresso nel mercato comunitario per tutelare i consumatori da una possibile frode alimentare alla luce della direttiva 110 del 2001. Dopo aver raccolto l’allarme lanciato dall’associazione Miele in cooperativa, che rappresenta circa 390 mila alveari in Italia, abbiamo presentato un’interrogazione alla Commissione europea per chiedere di agire con tempestività contro la diffusione del miele artificiale, brevettato e già immesso sul mercato da alcune società extraeuropee, che ora minaccia di arrivare anche sugli scaffali dei nostri negozi come prodotto contraffatto, mettendo a rischio la corretta informazione dei consumatori e la sopravvivenza degli apicoltori italiani, che producono miele vero e di altissima qualità. Contemporaneamente chiediamo a Bruxelles più rigore e maggiori controlli per contrastare la vendita in Europa di tutti i tipi di miele contraffatto, adulterato o non in linea con i parametri di trasparenza e qualità definiti dalla direttiva sul miele, che costituisce purtroppo quasi la metà di tutto il miele importato dai Paesi extra UE. Come eurodeputati che rappresentano a Bruxelles le regioni del Nord-Ovest, dove opera oltre un quarto di tutti gli apicoltori italiani, sentiamo il dovere di difendere questo settore di eccellenza, da sempre impegnato nella produzione di qualità e nella cura del nostro territorio”.

Così l’europarlamentare lombarda della Lega Isabella Tovaglieri e l’eurodeputato ligure Marco Campomenosi, capo delegazione della Lega al Parlamento europeo.

× Benvenuto!