SEGUIMI sui social!

Newsletter novembre 2023 – Isabella Tovaglieri

Ecco a te la mia newsletter che contiene un riassunto delle attività del mese di novembre.

Un abbraccio e buona lettura!

Giornata contro la violenza di genere, il mio impegno da Strasburgo a Busto Arsizio

Il brutale assassinio di Giulia Cecchettin, uccisa dall’ex fidanzato proprio a pochi giorni dalla Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, ha reso questa ricorrenza ancora più importante e le iniziative collegate ancora più numerose. Come membro della commissione FEMM del Parlamento europeo, sono intervenuta nella sessione plenaria di Strasburgo per sottolineare l’impegno per le donne portato avanti dal governo italiano e dalla Regione Lombardia: dall’inasprimento del Codice Rosso all’avvio dell’iter per l’introduzione del reato di duplice omicidio quando il delitto è compiuto contro una donna in stato avanzato di gravidanza. Si tratta infatti di buone pratiche, che possono essere di esempio per altri Paesi europei. Anche sul territorio ho voluto partecipare alle tante iniziative promosse per l’occasione: una fiaccolata per le vie di Busto Arsizio, un incontro con gli studenti dell’istituto Tosi e una serata-dibattito organizzata dal centro antiviolenza Eva Onlus. Tanti modi per dire no alla violenza e per costruire una cultura della parità e del rispetto.

Clicca qui sotto per guardare il mio intervento in plenaria:

Missione a Washington: alla Casa Bianca per discutere con l’assistente speciale di Biden

Essere ricevuti alla Casa Bianca per discutere con i più stretti collaboratori del Presidente degli Stati Uniti è un’opportunità che non capita tutti i giorni. Per questo sono stata davvero orgogliosa di rappresentare il mio territorio a Washington, nell’ambito di una missione istituzionale della commissione Mercato interno e protezione dei consumatori del Parlamento europeo. Con Elizabeth Kelly, assistente speciale del Presidente Biden per le politiche economiche, abbiamo parlato dei rischi e delle opportunità dell’intelligenza artificiale e del nuovo Regolamento europeo sui servizi digitali. Nel corso della missione, ho potuto incontrare anche l’ambasciatrice italiana negli USA Mariangela Zappia, alla quale ho portato in dono alcuni simboli della mia città, Busto Arsizio: una coperta dell’iniziativa benefica VivaVittoria, una maglietta della Pro Patria e una confezione dei tradizionali biscotti Cupèti. La visita è stata anche occasione per promuovere il nostro territorio oltreoceano, rinsaldando i rapporti commerciali, che vedono la Lombardia prima regione italiana nell’export verso gli Stati Uniti.

Ecco qui il mio intervento in plenaria a Strasburgo

Un’altra vittoria in Parlamento: affossata la proposta di regolamentazione dell’uso dei fitofarmaci e smantellate, grazie alla Lega, alcune delle proposte più pericolose contenute nel regolamento UE sugli imballaggi.

Negli stand di Eicma e AutoClassica, sempre in difesa delle moto e delle auto storiche

 

C’ero anche io tra le migliaia di appassionati di auto e moto che hanno affollato i più importanti saloni milanesi del settore, Eicma e AutoClassica. Ho potuto ammirare le novità ipertecnologiche e le vecchie glorie delle due e delle quattroruote, incontrando imprenditori e amatori, non solo nella mia veste di vespista e amante delle auto storiche, ma anche e soprattutto come deputata europea impegnata nella tutela del nostro motorismo, che rischia di soccombere sotto i colpi inferti dal Green Deal europeo e dalla concorrenza dei Paesi asiatici, liberi dai vincoli dell’ambientalismo ideologico. Entrambi i saloni sono stati un’occasione unica per confrontarmi con i protagonisti del comparto e per fare il punto sulle battaglie che sto portando avanti a Bruxelles in difesa dei motori diesel e benzina e dei biocarburanti, valida alternativa all’elettrico. Anche per questo ho voluto essere tra i primi firmatari della petizione “Vespa Patrimonio Culturale Italiano”, promossa dal Vespa Club d’Italia per chiedere allo Stato il riconoscimento dell’iconico scooter come espressione storica, culturale e artistica del nostro Paese, e per ottenere la tutela della Vespa dalle limitazioni alla circolazione previste dall’Europa dopo il 2035.

Clicca qui per vedere il mio intervento a Dritto e Rovescio del 19 novembre:

Sul territorio per parlare di Europa: tappe a Parabiago, Rescaldina e Settimo Torinese

 

Prosegue il mio viaggio sul territorio per conoscere i cittadini, gli imprenditori e gli amministratori della Lombardia e del Nord Italia, con l’obiettivo di portare le loro istanze in Europa e informarli sul lavoro che sto facendo a Bruxelles per contrastare le nuove direttive europee destinate ad avere un forte impatto sul mondo produttivo e sull’occupazione. A Parabiago (MI) ho incontrato il Sindaco Raffaele Cucchi e visitato alcune delle più importanti realtà imprenditoriali locali, come la Sinthesi Engineering e la Duplomatic, oltre al Rugby Parabiago, punto di riferimento per gli studenti e i ragazzi in difficoltà. A Rescaldina (MI), invece, serata di informazione aperta alla cittadinanza sulle eurofollie – dalla direttiva Case green e allo stop ai motori endotermici dal 2035 – organizzata in collaborazione con il gruppo Identità e Democrazia e con la partecipazione dei consiglieri regionali Silvia Scurati ed Emanuele Monti. Infine due incontri pubblici promossi insieme al gruppo ID: a San Donato (MI) con l’europarlamentare Marco Zanni, il consigliere comunale Nicola Forenza e il consigliere regionale Riccardo Pase, e a Settimo Torinese (TO) con il consigliere regionale Andrea Cerutti, il consigliere comunale Manolo Maugeri e la capogruppo Alessia Titanio. Obiettivo: fare squadra, sul territorio e in Europa, per portare il buongoverno al servizio dei cittadini.

In piazza a Milano per la pace e per difendere i valori occidentali

 

A un mese dal vile attacco di Hamas nello Stato ebraico, in tantissimi abbiamo accolto l’invito del segretario della Lega Salvini e siamo scesi in piazza a Milano non solo per sostenere la pace in Medioriente, ma anche per combattere il terrorismo e per chiedere il rispetto delle libertà e dei diritti umani e civili, disattesi in molti Paesi islamici, dove le donne rischiano la vita se non indossano il velo e dove per gli omosessuali è prevista la pena di morte. La manifestazione è stata anche un momento importante per rimarcare i nostri valori occidentali di uguaglianza e democrazia, e per ricordare le battaglie che stiamo facendo in Europa per fermare l’avanzata dell’integralismo islamico, che minaccia la nostra sicurezza e i nostri diritti, con la complicità delle sinistre europee, impegnate a promuovere il velo e a spingere per una legge bavaglio contro chi critica l’islam e le sue derive. In molte delle nostre città si stanno diffondendo sempre più moschee abusive, che danno copertura ai terroristi, e pratiche tribali come le infibulazioni e i matrimoni precoci, fenomeni drammatici sui quali l’UE non può continuare a chiudere gli occhi.

ISCRIVITI AL MIO PORTALE BANDI!

Ogni settimana, nuove opportunità di finanziamento dall’Europa.
Scoprile iscrivendoti al mio portale.

CLICCA QUI!

× Benvenuto!