SEGUIMI sui social!

Newsletter marzo 2023 – Isabella Tovaglieri

Ecco a te la mia newsletter che contiene un riassunto delle attività del mese di Gennaio.

Un abbraccio e buona lettura!

Approvata la direttiva sulle case green, Pd e 5 Stelle votano contro l’Italia e gli italiani

Dopo l’ok alla direttiva sulle case green, le sinistre italiane ed europee hanno detto sì anche al divieto di vendere auto a benzina e diesel nell’UE a partire dal 2035. Il voto contrario di Lega, FdI e Forza Italia non è bastato per fermare la nuova euro-follia green. Bruxelles ha scelto di fare un regalo alla Cina, il Paese più inquinatore del mondo, che detiene le tecnologie e i materiali per costruire le auto elettriche, ponendo le premesse per la distruzione della nostra industria automobilistica e di tutta la filiera automotive, che è concentrata soprattutto in Lombardia, con oltre mille aziende e 50 mila lavoratori. Siamo tutti a favore della decarbonizzazione, ma crediamo che la difesa del clima e lo sviluppo sostenibile possano essere portati avanti senza forzature pericolose per il tessuto economico e sociale del nostro Paese: sono tante, infatti, le imprese a rischio chiusura, che potrebbero lasciare a casa tra i 70 mila e i 100 mila lavoratori.Nonostante la lunga e impegnativa battaglia politica della Lega, l’aula di Straburgo ha approvato la direttiva sulle case green, una patrimoniale mascherata che colpirà duramente le case degli italiani, frutto del lavoro e dei sacrifici di una vita, imponendo ristrutturazioni per 35 mila euro medi ad appartamento. Una misura che avvantaggia solo la Cina, che detiene il monopolio mondiale dei pannelli fotovoltaici. Contro questa norma assurda e inapplicabile nel nostro Paese, dove la proprietà è molto frazionata e il patrimonio immobiliare molto vetusto, continueremo a dare battaglia nelle piazze e nei negoziati del “trilogo” europeo perché sia modificata e accompagnata da finanziamenti comunitari a copertura degli interventi imposti da Bruxelles. In questa battaglia siamo tutt’uno con il governo di centro-destra, che vuole difendere gli interessi degli italiani, contro Pd e 5 Stelle, che in Europa hanno votato contro i loro concittadini e contro il futuro del loro Paese.

Clicca qui sotto per vedere il mio intervento in plenaria a Strasburgo:

Edilizia, incontro con i geometri di Varese su rischi e criticità della direttiva casa

Su invito della Presidente Claudia Caravati e del Tesoriere Matteo Fraschini, ho incontrato i geometri della provincia di Varese per approfondire le implicazioni della normativa europea sulle case green e proseguire il dialogo tra la politica e le categorie più direttamente interessate dalla direttiva europea sull’efficienza energetica degli edifici. Tra gli addetti ai lavori, le preoccupazioni non mancano: la nuova normativa, infatti, non solo rischia di impoverire gli italiani, ma può anche mandare in tilt il settore delle costruzioni e il lavoro dei professionisti che operano nel comparto edilizio. Secondo i costruttori di ANCE, per ristrutturare il 75% degli immobili italiani – tanti sono nella classe energetica inferiore alla D – ci vorrebbero 630 anni contro i 7 previsti dalla prima scadenza della direttiva. Siamo di fronte a un obiettivo impossibile da raggiungere, reso ancora più impraticabile dalla penuria di manodopera nei cantieri edili e dalla difficoltà di approvvigionamento delle materie prime.

A Treviso con i giovani amministratori locali per scambiare esperienze e fare rete

 

Come giovane consigliera comunale della mia città, Busto Arsizio, sono stata invitata  dall’ANCI a partecipare, a Treviso, alla dodicesima assemblea nazionale degli amministraori comunali under 36. È stata un’occasione utile di approfondimento e confronto con centinaia di giovani amministratori locali e con tanti esponenti del mondo della politica e delle istituzioni, tra i quali i ministri della Lega Salvini e Locatelli e il coordinatore della Lega Giovani Toccalini. Nel corso dei diversi panel in programma, abbiamo affrontato temi molto sentiti dalle nostre comunità, come la sostenibilità, il lavoro, e il rapporto tra giovani, politica e pubblica amministrazione. È stata un’opportunità unica anche per stringere relazioni di scambio e collaborazione con altri giovani amministratori locali, con l’obiettivo di mettere a frutto le esperienze di ciascuno e di fare rete per affrontare le complesse sfide che oggi interessano sia i piccoli che i grandi comuni italiani.

Eurocamera, porte aperte agli studenti del Cavallotti di Cassano Magnago

Nei giorni “caldi” della seduta plenaria di Strasburgo, ho ricevuto la visita di tantissimi giovani interessati a conoscere da vicino le istituzioni europee, che hanno potuto visitare la sede ufficiale del Parlamento europeo proprio nel vivo dei suoi lavori. Tra questi, gli studenti di cinque scuole superiori della Lombardia: l’Istituto Bellisario di Inzago, il Prealpi di Saronno, il Romero di Albino e i Licei Crespi e Manfredini di Busto Arsizio e Varese. Negli stessi giorni ho aperto le porte del Parlamento europeo anche a una delegazione dei giovani di Coldiretti, guidata dal coordinatore dei Giovani Impresa Lombardia Carlo Maria Recchia, giunta a Strasburgo per aggiornarsi sulle ultime novità riguardanti le normative europee nel settore dell’agricoltura e dell’allevamento, dalla Politica Agricola Comune fino alle insidie del cibo a base di insetti e alle nuove etichette nutrizionali promosse da Bruxelles, contro le quali siamo da tempo in prima linea per difendere l’eccellenza dell’agrolimentare Made in Italy.

Contro le borseggiatrici rom di Milano a Dritto e Rovescio. Clicca qui per vedere il mio intervento:

Ecco i miei interventi a Sky Generazione Europa del 16 marzo:

RIGUARDA I MIEI INTERVENTI IN TV!

CLICCA QUI!

Lavoro e diritti femminili, un 8 marzo nel segno della concretezza

Il lavoro e i diritti sono stati al centro dei miei impegni nel giorno della festa della donna, che come membro della Commissione FEMM ho voluto celebrare non solo in modo simbolico ma anche con iniziative concrete. Ho infatti trascorso la mattinata dell’8 marzo in mezzo alle lavoratrici della CABI Elettronica di Caronno Pertusella, dove l’80% della forza lavoro è donna e le dipendenti sono impiegate in tutti i settori, dalla produzione ai ruoli dirigenziali. Questa azienda dimostra come il talento e le capacità femminili possano dare un grande contributo allo sviluppo delle piccole e medie imprese, che ho l’onore di rappresentare a Bruxelles. Nel pomeriggio, insieme alla Lega Giovani, ho promosso una manifestazione davanti al consolato dell’Iran, a Milano, per tenere accesi i riflettori sulle gravi violazioni dei diritti fondamentali delle donne da parte del regime fondamentalista iraniano e per ribadire la necessità di presidiare le nostre libertà e i nostri valori occidentali, messi a rischio da culture arcaiche e tribali, che si stanno radicando anche in Italia dopo anni di immigrazione incontrollata.

ISCRIVITI AL MIO PORTALE BANDI!

Ogni settimana, nuove opportunità di finanziamento dall’Europa. Scoprile iscrivendoti al mio portale.

CLICCA QUI!

× Benvenuto!