a
d

WE ARE BRUNN

Let’s Work Together

PARALIMPIADI. LEGA: ATLETA AFGHANA ZAKIA PARTECIPI AI GIOCHI IL CARROCCIO PORTA IL CASO IN EUROPA

Roma, 19 ago. – “L’atleta afghana Zakia Khudadadi partecipi ai giochi paralimpici, serve l’impegno da parte di tutta la comunità internazionale in suo sostegno”. Così Isabella Tovaglieri, europarlamentare della Lega, annuncia la sua interrogazione alla Commissione Europea, relativa al caso dell’atleta paralimpica Zakia Khudadadi e ai diritti delle donne in Afghanistan. Isabella Tovaglieri, firmataria dell’interrogazione, afferma che “per l’Afghanistan la partecipazione di una giovane atleta in queste competizioni sarebbe stata la prima volta, ma l’evoluzione della situazione e il controllo di Kabul da parte dei talebani ha impedito la partecipazione di Khudadadi, che non ha raggiunto la sede olimpica”. L’esponente del Carroccio aggiunge che “la sua partecipazione alle competizioni, oltre al valore sportivo, avrebbe l’effetto di evidenziare l’importanza dello sport per le donne e l’inclusione di persone disabili. Sarebbe gravissimo non farla partecipare a seguito delle inaccettabili posizioni di subordinazione della donna nella società espresse dai talebani. Ho presentato una interrogazione alla Commissione Europea affinché anche l’Ue si attivi a favore della partecipazione di Khudadadi alle Paralimpiadi, prendendo una forte posizione in difesa dei diritti delle donne”.

L’iniziativa è supportata anche da Luca TOCCALINI, deputato della Lega, segretario Lega Giovani e componente della commissione Sport della Camera dei deputati. TOCCALINI sottolinea che “Zakia deve poter partire per Tokyo. Mancano 6 giorni al via delle paralimpiadi, l’Occidente non abbandoni i sogni e le speranze di questa ragazza. In un momento drammatico come quello che sta vivendo l’Afghanistan, un gesto come questo darebbe forza a decine di migliaia di donne afgane che non vogliono sottomettersi al nuovo regime talebano. Anche l’Italia faccia la sua parte, intervengano al più presto il sottosegretario Vezzali e il ministro Di Maio” conclude.